Home

Sviluppo intellettuale:
Il pendolare attiva il cervello prima degli altri essere umani: ci vuole una specifica capacità intellettuale per identificare qualcuno che conosci in stazione alle 7.41 del mattino e riuscire ad evitarlo.

Sviluppo muscolare:
E’ scientificamente testato che i pendolari hanno i muscoli delle braccia sopra-sviluppati: devono aprire le porte del treno che si bloccano, tenere il computer nella borsa e nello stesso tempo spintonare la gente per salire per primi.

Sviluppo ludico:
Il pendolare è un giocherellone, il suo gioco preferito è il gioco della sedia . Non sfidare mai un pendolare in questa attività, il suo istinto pendolaristico lo porta ad occupare il primo posto libero prima ancora che tu abbia lontanamente pensato di alzarti.

Sviluppo sensoriale:
Il pendolare medio ha sviluppato negli anni un forte autocontrollo dei sensi fisici, in particolar modo quello visivo e olfattivo.
Una persona non abituata alla flora ma soprattutto alla fauna del treno, potrebbe pensare guardando un ipotetico compagno di vagone:
“Oh no! L’effetto del caffè siga! Aspetta un attimo, ma io non fumo” Ovviamente tappandosi il naso.

Sviluppo yoga:
Molti dei pendolari sviluppano una scioltezza fisica paragonabile a quella delle ginnaste giapponesi.
E’ ancora una leggenda, ma si narra che il primo istruttore di yoga fosse un pendolare: ogni posizione contorta corrisponde infatti ad una delle posture che il pendolare medio deve inventarsi per sedersi nei sedili del treno.

Sviluppo Zen:
E’ ormai risaputo che il pendolare medio ha un limite di pazienza superiore a quello dei comuni mortali.
Abituato ai ritardi di 45 minuti del treno, il pendolare non presta più attenzione ai ritardi degli amici.
Mi raccomando però, quando tirate pacco a un pendolare, scusatevi sempre per il disagio.

Sviluppo dell’apparato digerente:
Il pendolare sviluppa un altissimo autocontrollo dell’apparato digerente.
Pensate infatti che un pendolare su tre riesce a non vomitare quando i suoi compagni di vagone sono due diciottenni nella stagione degli amori che alle 8.05 si scambiano fluidi salivari.

Sviluppo dell’autocontrollo:
Non tutti gli esemplari di pendolare riescono a farcela, ma molti di loro riescono a trattenere le risate quando il compagno di viaggio di fronte a loro si addormenta con bocca aperta e bavetta, muovendo a intervalli regolari la testa. Si limitano a pensare “adesso cade, adesso cade”
Sanno che un giorno potrebbe succedere anche a loro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...